Da Civilization VI a Age of Empire: caratteristiche e differenze dei giochi di strategia a turni e in tempo reale

Si sa, ci sono videogiochi per tutti i gusti. Se ora Animal Crossing: New Horizons di Nintendo sembra essere il gioco del momento, tra i videogiochi più amati dagli appassionati spiccano senza dubbio diversi titoli basati sulla strategia, sia in tempo reale che a turni, che richiedono ai giocatori capacità di creare tattiche efficaci, di prevedere le mosse altrui e di applicare ragionamenti logici alle diverse sfide che vengono loro presentate.

I videogiochi strategici a turni

I giochi di strategia sono nati ben prima dell’avvento del computer e hanno sempre dipeso dalla capacità del giocatore di prevedere le mosse dell’avversario e dalla profonda conoscenza delle probabilità di vincita che portano a rischiare in modo consapevole le proprie risorse in vista di una vittoria futura. Ne sono un esempio giochi come gli scacchi e la roulette. Nei primi, a cui ci si può allenare anche online su Lichess, le partite sono caratterizzate da lunghe attese in cui gli sfidanti progettano le mosse future e calcolano quali sono i pezzi da sacrificare per poter fare scacco matto; nella seconda, come spiega il casinò digitale Betway Casinò, un giocatore esperto può sfruttare uno dei diversi sistemi di puntata come il Martingala o il D’Alembert per prevedere i risultati del lancio della pallina, le possibilità di vincita e di perdita e scommettere di conseguenza.
Il funzionamento di questi giochi strategici prevede l’esistenza di turni in cui il giocatore fa la sua mossa e ne attende poi il riscontro o una contromossa da parte degli avversarsi. Questo stile è stato riproposto anche nel mondo dei videogiochi dando vita ai cosiddetti videogiochi strategici a turni. Come è facile immaginare, questo tipo di videogiochi è basato principalmente su ragionamento, astuzia e capacità di prevedere le mosse degli avversari e manca spesso di quel fattore adrenalinico che spesso caratterizza altri videogiochi di strategia o i cosiddetti sparatutto.

Rientrano nella categoria di giochi strategici a turno anche quei videogiochi che a prima vista sembrano relativamente semplici. Che dire ad esempio della serie per Nintendo Switch, Nintendo DS e GameBoy Pokémon? Le lotte tra allenatori sono basate infatti su turni e sull’attento calcolo del giocatore che, grazie alle sue conoscenze sull’avversario, sui suoi pokémon e sulle loro caratteristiche, può decidere turno dopo turno come portare aventi la sfida. Altri celebri videogiochi di strategia sono le versioni digitali di giochi da tavola famosi come Diplomacy, la cui ultima versione per PC è stata prodotta nel 2005 da Paradox Interactive, in cui i giocatori devono portare a termine complessi trattati di pace tra diverse nazioni.
La serie di giochi di strategia a turni più famosa è però Civilization, arrivata al suo sesto capitolo e disponibile oggi anche su PlayStation. L’obiettivo del gioco è quello di costruire un impero sconfiggendo tutti gli avversari che abitano sulla mappa. Passo dopo passo il giocatore farà evolvere la sua civiltà a partire dal 4000 a.C. fino al 2100 d.C., sviluppandone le tecnologie e difendendosi dagli attacchi delle popolazioni limitrofe. Non si tratta solo di un gioco di guerra però: è infatti possibile portare avanti trattative con i leader degli altri popoli e trovare le migliori strategie per vincere adattando la situazione anche alla forma di governo che si è scelta.

I giochi di strategia in tempo reale

Al contrario dei giochi di strategia a turni, in quelli in tempo reale le diverse fazioni si affrontano e agiscono nello stesso momento, richiedendo così una maggior prontezza di pensieri e riflessi al giocatore ma una minore complessità a livello tattico e strategico. Fin da subito è chiaro che i più celebri videogiochi di strategia in tempo reale, detti anche RTS, devono molto all’eredità lasciata da Civilization. Titoli come la serie Age of Empires e i suoi spin-off come Age of Mithology, scaricabili online su computer su Steam, condividono infatti con Civilization molte delle loro caratteristiche principali. Sono infatti tutti ambientati in una mappa che viene man mano esplorata, il giocatore comanda una determinata popolazione e l’obiettivo è quello di dominare il territorio sconfiggendo i nemici o costruendo una cosiddetta Meraviglia. Questi videogiochi, tra i cui titoli spiccano successi come Warcraft III e Halo Wars per Xbox 360, condividono ambientazioni storiche o fantastiche basate più su vittorie militari che su vere e proprie trame. All’interno del genere RTS sono inoltre individuabili due sottogruppi: i videogiochi di strategia in tempo reale e quelli di tattica in tempo reale, detti anche RTT.

La differenza tra i due si cela soprattutto nell’importanza data alla ricerca delle risorse, dello sviluppo di tecnologie e di forme di governo avanzate richiesti dal genere RTS tradizionale, mentre i videogiochi di tattica in tempo reale sono principalmente focalizzati sulla gestione delle singole unità e sullo sviluppo di tattiche di combattimento per i singoli scontri. In questa categoria rientrano videogiochi come Shadow Tactics: Blades of the Shogun e la serie Total War creata da The Creative Assembly ambientata in diversi periodi storici come l’Antica Roma, il medioevo e la campagne napoleoniche. Nonostante il grande successo dei videogiochi RTS in confronto ai progenitori a turni, questo genere non è stato immune alle critiche. Molti detrattori infatti affermano che i videogiochi di strategia in tempo reale, quando giocati tra due giocatori e non contro il computer, vengano vinti non tanto dallo sfidante con maggior talento nello sviluppare strategie e tattiche, ma da quello più veloce con il mouse e più in gradi di gestire le diverse fasi del gioco contemporaneamente, cosa che comporta tempi di reazione più brevi e la capacità di dare un numero maggiore di ordini a più unità in poco tempo.

Tra i moltissimi generi esistenti nel mondo dei videogiochi, i giochi di strategia sembrano essere intramontabili. Se i primi a essere sviluppati furono quelli di strategia a turni, ispirati ai tradizionali giochi di società, oggi sono sempre più diffusi quelli in tempo reale, i cui giocatori devono avere prontezza di riflessi, capacità di gestione delle mappa e delle diverse unità e ottime conoscenze tattiche per i combattimenti.




Aguero e i calciatori appassionati di videogame

È stata una delle immagini più iconiche e ricorrenti del mondo del calcio che è stato messo in pausa negli ultimi mesi. Parliamo, ovviamente, di quel Sergio Aguero in grande forma nei suoi live sul web nei quali si autoriprendeva mentre giocava alla console, consolandosi per la mancanza di allenamenti e di calcio giocato. L’attaccante argentino del Manchester City, il quale tra l’altro è il massimo goleador di sempre della squadra inglese, è un noto appassionato di vari videogiochi di ultima generazione, sia dei classici sparatutto sia di quelli di calcio come FIFA e PES, i due grandi colossi del gioco virtuale più amato del pianeta che anche quest’anno si sono sfidati nel grande mercato. Il numero 10 della squadra di Pep Guardiola, che nella nazionale argentina sfida sempre Lionel Messi alla console, visto che dormono nella stessa stanza, è solo uno dei tanti giocatori di calcio che fanno dei videogiochi un’abitudine costante.

Un altro grande esempio è quello di Paul Pogba. L’ex centrocampista della Juventus, la squadra con più opzioni per la vittoria dell’attuale campionato di Serie A secondo le quote scommesse online in questo momento, è da sempre un grande appassionato di videogame. Parliamo, infatti, di un calciatore che ovunque andasse portava con sé la sua console, dilettandosi soprattutto con giochi di calcio. Sono famose le grandi sfide durante la sua epoca in bianconero con il suo allora compagno Paulo Dybala, chiamato dal francese “quadrato R2”, in riferimento ai tasti da schiacciare con il joypad della Playstation per poter effettuare il tiro a giro. Pogba, che gioca nel Manchester United ed è veramente l’alter ego di Aguero, è uno dei più abili giocatori di FIFA, gioco nel quale sceglie sempre sé stesso.

Dall’altro lato della barricata troviamo invece l’ex Roma Alessandro Florenzi, il quale oltre al calcio balilla e ai giochi di carte ama tantissimo giocare a PES, come dimostra un aneddoto che vede il calciatore romano comprare un televisore a 36 pollici solo per giocare durante un ritiro di pochi giorni. Una dimostrazione di passione assoluta per le console e i grandi giochi in grado di simulare perfettamente le partite di calcio. Per Florenzi, così come accade per tanti altri calciatori, poter vedere rappresentate in modo virtuale le possibili vicende sportive che lo coinvolgono è evidentemente anche un modo per capire come protrebbe comportarsi nei panni del protagonista. Lo stesso accade, infatti, per Ciro Immobile, il grande bomber della Lazio e attuale capocannoniere del campionato italiano. L’attaccante nativo di Torre Annunziata è stato, infatti, ripreso in una serie di foto e video dalla sua compagna Jessica quando preferiva divertirsi alla console che stare con lei, suscitando ovviamente grandi reazioni da parte di tutto il popolo del web.

La febbre dei videogame, che permettono a chiunque di divertirsi senza muoversi da casa, si è sviluppata ulteriormente in questo periodo di confinamento globale. E non è un caso che proprio i calciatori, tra le persone più attive fisicamente, siano stati i grandi ambasciatori di questa passione per i giochi virtuali.




Sicurezza nei giochi online, ecco perché è così importante

Il gioco online ha preso sempre più piede nel corso degli ultimi anni sul territorio italiano. Non è un caso, visto che il popolo nostrano è sempre stato particolarmente vicino al mondo dell’azzardo, con una passione che non conosce confini ormai da tanti secoli.

Eppure, la possibilità di puntare e scommettere online ha reso decisamente tutto più semplice. Per vivere un’esperienza coinvolgente e anche molto divertente, ormai, non c’è nemmeno più bisogno di recarsi presso una sala da gioco dal vivo, dal momento che l’evoluzione delle piattaforme d’azzardo online è stata talmente evidente anche dal punto di vista tecnologico, che ormai ogni gap si può definire superato.

L’importanza di scommettere online in modo sicuro

È chiaro, però, che se il web ha tanti aspetti positivi e vantaggi, ha pure qualche problema e inconveniente non da poco. Uno di quelli maggiormente discussi è senz’altro quello che si riferisce all’ambito della sicurezza. Sì, perché anche hacker e malintenzionati sono sempre più preparati nel tentativo di rubare i dati degli utenti.

Quindi, l’aspetto della sicurezza è fondamentale e fa la differenza anche quando si tratta di scegliere la piattaforma più adatta per puntare e giocare. Ci sono tante piattaforme che offrono dei casino bonus estremamente vantaggiosi, ma non ci si deve ovviamente lasciar trascinare nella scelta solamente da questo aspetto.

Prima di tutto, come detto, è importante valutare quanto un casinò possa garantire la sicurezza dei propri utenti, che creano un conto di gioco ed effettueranno delle transazioni di denaro, sia versamenti che prelievi e, di conseguenza, vogliono protezione totale in merito a tutti questi dati.

Gli elementi da controllare prima di giocare

Ci sono diversi fattori che devono essere verificati prima di cominciare a puntare e a scommettere online. Il primo elemento da verificare è rappresentato dal protocollo di connessione. Per permettere che tutti i vari utenti possano puntare in totale serenità e sicurezza, ecco che le piattaforme di gioco d’azzardo sul web devono sfruttare il protocollo HTTPS, rispetto al precedente http.

La differenza tra questi due protocolli di cui abbiamo appena parlato deriva dal fatto che tramite il protocollo HTTPS è oggetto di un apposito processo di crittografia e i vari malintenzionati che agiscono sul web non hanno alcuna opportunità di rubare dati o spiare le varie attività degli utenti sul web.

Attenzione anche ai vari sistemi di pagamento che vengono accettati da parte dell’operatore che ha la gestione della piattaforma, visto che si tratta di un altro fattore che fa la differenza per quanto riguarda l’ambito della sicurezza. Per fare in modo di evitare di cadere in pericolose truffe, così come di non mettere a rischio le proprie transazioni, il consiglio migliore da seguire è di optare per una piattaforma che accetta dei pagamenti solo ed esclusivamente mediante portali sicuri e ben noti, come ad esempio Skrill, PayPal e Neteller. Infine, un altro suggerimento molto utile è di non giocare mentre si sta utilizzando una connessione a delle reti Wi-Fi pubbliche, a meno di non sfruttare un’apposita rete VPN sicura e affidabile.




Le migliori piattaforme di gaming online

Diciamo la verità: nel corso degli ultimi anni, il settore dell’intrattenimento e dei videogiochi ha subito un’evoluzione radicale per via del ruolo sempre più importante di internet. Il futuro, infatti, dovrebbe vedere l’uso sempre più sporadico delle console, a favore invece delle piattaforme online.

Uno degli aspetti che si possono certamente notare da questa nuova tendenza è legato al fatto che i giochi su disco sono praticamente defunti e il futuro sarà inevitabilmente quello di effettuare il download dei giochi direttamente dalla rete. Per i giochi su pc, ormai si può considerare una prassi che dura già da diversi anni, al punto tale che i servizi che si occupano di digital delivery sono cresciuti in misura sempre maggiore.

Non solo, visto che i prezzi dei vari videogiochi sono più convenienti e, di conseguenza, nella maggior parte dei casi non servono computer con particolari requisiti per la riproduzione dei giochi lanciati più di recente in commercio. Insomma, la concorrenza rispetto alle console tradizionali è sempre più accentuata.

Le piattaforme dedicate al gioco online

Anche il mondo del gioco d’azzardo ha ricevuto un impulso incredibile con il boom dei device mobili. Per chi ama, ad esempio, giocare a carte, si può consultare molto facile un elenco siti poker online affidabili e in cui poter puntare in totale sicurezza con gli altri utenti, creando il proprio conto di gioco.

I casinò online più sicuri sono quelli che ovviamente rispettano la normativa attualmente in vigore sul territorio italiano, ma che offrono un’affidabilità totale per quanto riguarda le transazioni che verranno effettuate sul proprio conto di gioco, tra versamenti e prelievi. Ci sono ovviamente anche tanti altri fattori che incidono sulla scelta finale, come ad esempio l’offerta di bonus e promozioni per chi si registra per la prima volta e crea un conto di gioco online, oppure la gamma di metodi di pagamento che viene proposta. L’aspetto più importante è quello della sicurezza e il rispetto della normativa attualmente in vigore in Italia si può verificare con la presenza del marchio AAMS, fondamentale garanzia sotto questo aspetto.

Il boom del cloud gaming

Il futuro del gaming è ben delineato: a dominare la scena ci saranno sempre di più delle piattaforme per lo streaming da cloud dei videogiochi. Tutti gli utenti sfrutteranno questo sistema sempre di più per trovare i giochi, con la reperibilità fisica che calerà ai minimi storici.

Lo streaming di videogiochi, infatti, permettere l’accesso tramite dei abbonamenti mensili, esattamente sullo stile di Netflix. Stadia, ad esempio, è la piattaforma per lo streaming di videogiochi che è stata proposta da parte del colosso di Mountain View. Un colosso che può contare su interazioni con YouTube e Google Assistant, il cui obiettivo sarà quello di raggiungere l’offerta di giochi ad una qualità pari a 4K 60fps.

Lo streaming di videogiochi è uno degli elementi su cui punta tantissimo anche il comparto di Microsoft. In seguito alla comunicazione di Google Stadia, Xbox non ha ovviamente perso tempo ed è stato lanciato il progetto Project XCloud. Una libreria condivisa con un altissimo numero di videogiochi di ogni tipo.




GamePodcast #14 – Da Crytek e Crysis Remastered alle Iniziative Pro-Videogiocatori

In questa puntata:
– Il ritorno di Crytek e di Crysis;
– Il cambiamento di percezione del videogioco al tempo del Covid-19;
– Le iniziative per agevolare il gaming.
Tutto questo in compagnia di Marcello Ribuffo, Gero Micciché e Andrea Rizzo Pinna
Armatevi di auricolari e restate con noi!
Venite a trovarci sui nostri canali:
E sul nostro sito ufficiale: http://www.gamecompass.it




GamePodcast #13 – Dal Dualsense al mobile gaming, sino alla musica nei videogame

puntata pasquale in cui parleremo di:
– Il nuovo pad di PlayStation 5;
– Gero Micciché (Gameloft) ci prepara al mobile gaming;
– L’importanza della musica nei videogame;
Tutto questo in compagnia di Marcello Ribuffo, Gabriele Sciarratta e Andrea Celauro
Armatevi di auricolari e restate con noi!
Venite a trovarci sui nostri canali:
E sul nostro sito ufficiale: http://www.gamecompass.it




Cosa Stiamo Giocando!? (09/04/2020)

In questa rubrica dedichiamo tempo a cosa stiamo giocando in questi giorni, discutendo di titoli freschi di stampa o con qualche mese alle spalle.
In questa puntata:
Astral Chain
Shadow of the Colossus (PlayStation 4); 
Final Fantasy XV (Windows Edition); 
Tutto questo in compagnia di Marcello Ribuffo, Gero Micciché e Andrea Rizzo Pinna.
Armatevi di auricolari e restate con noi!
Venite a trovarci sui nostri canali:
E sul nostro sito ufficiale: http://www.gamecompass.it




Il gioco digitale per il 2020: quali sono le aspettative per il settore

Con la sospensione del gioco d’azzardo fisico, si stanno aprendo nuovi scenari relativi al gioco digitale, mentre anche la raccolta di giochi come Lotto e Superenalotto è stata sospesa. Per i giocatori, i giochi online rimangono disponibili sui siti con licenza, quindi per gli amanti del gioco d’azzardo in cerca di bonus ci sono siti Web con le ultime notizie: il campo è aperto sia per quanto riguarda le slot machine dei casinò conosciute per offrire ore di divertimento con giochi gratuiti o con soldi veri e giochi più tradizionali come roulette, blackjack o video poker. L’importante è farlo responsabilmente durante il tempo trascorso a casa.

Abitualmente il circuito del gioco digitale ha meno pubblico rispetto a quello di tipo fisico, visto che attualmente il circuito del gioco digitale, in Italia, rappresenta il 12% della spesa totale, rivolta al gioco, dato che ha visto un incremento durante lo scorso anno. Bisogna ricordare come per la macchina organizzativa del gioco digitale, si era registrata una evidente battuta d’arresto legata al divieto imposto dal Decreto Dignità, che a partire dall’estate del 2019, pur non vietando il gioco, lo ha silenziato, vietando la pubblicità sia in tv che sul web.

Le aspettative per il settore del gioco online durante il prossimo semestre

In un secondo momento è stato però possibile far circolare materiale informativo, in merito al gioco digitale, mentre in un primo momento si era pensato ci potesse essere uno stop definitivo anche ai canali di informazione utile. Lo stop invece è stato effettuato per quanto riguarda la pubblicità esplicita, la quale si ritiene, possa avere effetti negativi su quei soggetti affetti da ludopatia, gioco compulsivo e azzardopatia, tutti fenomeni che il Governo attuale sta cercando di contrastare. Non è un caso se oggi i casinò online legali e sicuri, stanno promuovendo il gioco praticato in modo responsabile e con limitazioni di orario e di budget, seguendo il vademecum delle regole d’oro per giocare online. Gioco d’azzardo che tuttavia non deve essere confuso con i giochi di abilità quali il poker digitale, il blackjack e il baccarat, come è stato stabilito dalla Corte di Cassazione, che ha deliberato a favore del gioco del poker, dimostrando che si tratta di un gioco dove sono le abilità e gli skills del gambler a fare la differenza, sono il caso e la fortuna. Una sentenza che sicuramente ha fatto e farà discutere nel tempo.

Il trend per il 2020 per il gioco digitale

Il 2020 è iniziato con grandi novità e attesa per quanto riguarda il campo della tecnologia e del gioco online. A inizio gennaio sono trapelati rumors che interessano le console di ultima generazione, visto che si è parlato con insistenza di un rilascio della Nintendo Switch Pro e soprattutto della nuova attesissima Playstation 5. Non ci sono ancora notizie ufficiali, anche se la Sony ha fatto trapelare alcune informazioni sulle innovazioni che la nuova console avrà. Certo questo sembra essere il momento ideale, in termini di strategia di marketing per puntare il proprio focus, su un prodotto che è un invito a restare in casa, trascorrendo il proprio tempo libero e di svago con i propri giochi preferiti.

Quale sarà il bilancio operativo per il settore del gioco digitale

Molto probabilmente durante questa primavera il settore del gioco online, avrà dei dati molto positivi, fatto eccezione per il segmento del betting digitale. In particolare saranno i giochi di casinò online e delle varie piattaforme come Nintendo, Sony e Xbox One, ad avere buoni riscontri di pubblico, con un lavoro di programmazione capillare che già durante lo scorso autunno e l’inizio dell’inverno da poco concluso, ha ottenuto numeri e vendite record.




GamePodcast #12 – Da Epic Games Publishing al Mercato Videoludico al tempo del Covid-19

Nella puntata di oggi:
Epic entra nel mondo del publishing. Sarà rivoluzione?;
– Recensione di Daemon X Machina (Versione Steam);
– Il Mercato Videoludico alza la Cresta;
Tutto questo in compagnia di Marcello Ribuffo, Gero Micciché e Andrea Rizzo Pinna
Armatevi di auricolari e restate con noi!
Venite a trovarci sui nostri canali:
E sul nostro sito ufficiale: http://www.gamecompass.it




Il gioco digitale al tempo dell’emergenza da Coronavirus: quali sono gli effetti

Con la sospensione del gioco d’azzardo fisico, legata all’emergenza del Coronavirus, si stanno aprendo nuovi scenari relativi al gioco digitale, mentre anche la raccolta di giochi come Lotto e Superenalotto è stata sospesa. Questo è un arresto che interessa l’intero settore e la catena di fornitura del gioco fisico. Per i giocatori, i giochi online rimangono disponibili sui siti con licenza, quindi per gli amanti del gioco d’azzardo in cerca di bonus ci sono siti Web con le ultime notizie: il campo è aperto sia per quanto riguarda le slot machine dei casinò conosciute per offrire ore di divertimento con giochi gratuiti o con soldi veri e giochi più tradizionali come roulette, blackjack o video poker.

L’importante è farlo responsabilmente durante il tempo trascorso a casa. Il cui campo d’azione, sempre stato ridotto rispetto al circuito del gioco fisico, resta ora in attività, a discapito delle sale da gioco che invece sono state costrette alla chiusura temporanea per l’emergenza pandemia da Covid-19. La possibile proroga di stop alle sale da gioco fino al prossimo 31 luglio 2020, apre nuovi scenari che interessano il mercato del gioco digitale. Come tutti sanno bene, il circuito del gioco digitale, in Italia rappresenta il 12% della spesa totale, rivolta al gioco, dato che ha visto un incremento durante lo scorso anno. Tuttavia bisogna sottolineare come a causa della quarantena da Coronavirus, le sale da gioco e i centri scommessa, attualmente siano chiusi, proprio perché non corrispondono ai bene di prima necessità, stabilito dal Decreto vigente per il Covid-19.  Questo aspetto rimette in moto la macchina organizzativa per il gioco digitale, dopo che durante lo scorso 2019 il gioco online era stato penalizzato a causa del Decreto Dignità, il quale pur non vietando il gioco, lo ha silenziato, vietando la pubblicità sia in tv che sul web.

 

Il gioco online torna in pista per via della quarantena da Covid-19.

In un secondo momento è stato però possibile far circolare materiale informativo, in merito al gioco digitale, mentre in un primo momento si era pensato ci potesse essere uno stop definitivo anche ai canali di informazione utile. Lo stop invece è stato effettuato per quanto riguarda la pubblicità esplicita, la quale si ritiene, possa avere effetti negativi su quei soggetti affetti da ludopatia, gioco compulsivo e azzardopatia, tutti fenomeni che il Governo attuale sta cercando di contrastare. Non è un caso se oggi i casinò online legali e sicuri, stanno promuovendo il gioco praticato in modo responsabile e con limitazioni di orario e di budget, seguendo il vademecum delle regole d’oro per giocare online. Gioco d’azzardo che tuttavia non deve essere confuso con i giochi di abilità quali il poker digitale, il blackjack e il baccarat, come è stato stabilito dalla Corte di Cassazione, che ha deliberato a favore del gioco del poker, dimostrando che si tratta di un gioco dove sono le abilità e skill del gambler a fare la differenza, sono il caso e la fortuna.
Una sentenza che sicuramente ha fatto e farà discutere nel tempo.

 

Il trend per il 2020 per il gioco digitale.

Il 2020 è iniziato con grandi novità e attesa per quanto riguarda il campo della tecnologia e del gioco online. A inizio gennaio sono trapelati rumor che interessano le console di ultima generazione, visto che si è parlato con insistenza di un rilascio della Nintendo Switch Pro e soprattutto della nuova attesissima Playstation 5, tutto questo prima dell’emergenza per il Coronavirus, che di fatto ha interrotto il flusso di notizie riguardanti una possibile anteprima per la console Sony durante la primavera e prevedibilmente per il mese di aprile. Non ci sono ancora notizie ufficiali, anche se la Sony ha fatto trapelare alcune informazioni sulle innovazioni che la nuova console avrà. Certo questo sembra essere il momento ideale, in termini di strategia di marketing per puntare il proprio focus, su un prodotto che è un invito a restare in casa, trascorrendo il proprio tempo libero e di svago con i propri giochi preferiti.